Taverneriocittà - dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
HOME | FORUM | ATTI PUBBLICI | FILMATI | CONTATTI
  •  
  • Solo per oggi mi farò un programma; forse non lo seguirò a puntino, ma lo farò e mi guarderò da due malanni: la fretta e l’indecisione.

    Papa Giovanni XXIII

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
Appuntamenti (3)
Archivio redazionali (40)
Consigli Comunali (85)
Interpellanze (8)
Lettere al Sindaco (2)
Redazionale (63)
Terzi (23)

Ultimi commenti:
merito di questa fantastica amministrazione da voi appoggiata!!!! Complimen...
16/10/2019 @ 12:59:13
Di abomini
Il Bagliacca è pieno d'acqua e in parte inagibileIl Borella é pieno di debi...
10/10/2019 @ 06:25:26
Di I due asili...
Le anime belle son riuscite a portare al centro civico gli schiavi negri ar...
25/07/2019 @ 13:23:03
Di Plagiati dai media
Bianchi si è comportato male in consiglio comunale (non al bar) e non dovre...
08/06/2019 @ 22:45:37
Di in alternativa Paulon dimettiti tu..
Non capisco come mai non si sia ancora dimesso.....ma si puo' essere così a...
03/06/2019 @ 09:47:49
Di ottimo bianchi
Bianchi come assessore al bilancio non vale niente.. Ma questo si sapeva......
02/06/2019 @ 14:38:54
Di Avrà successo.. Dimissione.. Il minimo
Dopo quello che è successo, un passo indietro l'assessore Bianchi lo DEVE f...
28/05/2019 @ 14:40:20
Di la cacciata
Credo sia ora di staccare la spina a questa amministrazione
27/05/2019 @ 08:52:05
Di stop
Sorprende l'evidente enorme difficoltà degli amministratori locali a compor...
26/05/2019 @ 11:24:20
Di Maggio. Il mese del cucu'
BRAVE PERSONE NON FA RIMA CON BRAVO POLITICO
21/05/2019 @ 14:48:58
Di RIMEE
Paulon é una brava persona. L'ho votato però..Non capisco il suo percorso p...
19/05/2019 @ 16:07:32
Di Perché?
imbarazzante direi....
06/05/2019 @ 10:15:50
Di che imbarazzo
Sindaco che usa la responsabilità territoriale come sgabello per i suoi lib...
20/04/2019 @ 14:14:21
Di mobiliere
Mirko Paulon candidato alle europee con il partito +europa quello della bon...
20/04/2019 @ 10:45:01
Di Z
Maggioranza a pezzi.. Chi rimane?Qualcuno mi aggiorna?
30/03/2019 @ 10:17:45
Di Domanda?
Uno degli obbiettivi del gruppo di tavereriocittà era proprio la garanzia c...
28/02/2019 @ 11:24:57
Di ardua sentenza
ero alla riunione dei genitori ieri sera all'asilo. Ci è stato promesso che...
27/02/2019 @ 13:06:45
Di tutti in consiglio
SE L'ASILO BORELLA CHIUDE, IL SINDACO SI DEVE DIMETTERE. ALTRIMENTI SARA' F...
26/02/2019 @ 09:58:52
Di SINDACO DIMETTITI
Le responsabilità di questo sindaco e questa giunta sono enormi.Se L'Asilo ...
25/02/2019 @ 21:21:01
Di Editore deluso
asilo borella Rischio chiusura. Spero che il sindaco si dimetta
25/02/2019 @ 15:33:15
Di via sindaco
EffettivamenteUltimamente Non si vede niente...
23/02/2019 @ 19:54:21
Di Anonimo
assolutamente sì. Torna Rossella salvaci da questo pantano!!!
21/02/2019 @ 11:08:47
Di aiuto
rossella radice sindaco
05/02/2019 @ 16:09:42
Di i rosseliani
SILENZIO TOTALE DI INCAPACITA' AMMINISTRATIVA E PROGETTUALE. UN VERO FLOP Q...
13/11/2018 @ 08:48:49
Di FLOP
Ma esistete ancora?
09/11/2018 @ 10:51:55
Di Anonimo

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati



//

\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 25/11/2014 @ 22:17:02, in Consigli Comunali, linkato 1993 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO GIOVEDÌ 27-11-2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO IL CENTRO CIVICO ROSARIO LIVATINO – SALA S. PEDAR.

ORDINE DEL GIORNO

  1. VARIAZIONE DI ASSESTAMENTO GENERALE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014
  2. APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER L'ESERCIZIO CONGIUNTO DEL CONTROLLO ANALOGO SU SERVICE 24 AMBIENTE SRL
  3. RINNOVO CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETERIA FRA I COMUNI DI TAVERNERIO E DI ALBESE CON CASSANO
  4. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 11595 DEL 01/10/2014
  5. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 11596 DEL 01/10/2014
  6. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 11597 DEL 01/10/2014
  7. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 11598 DEL 01/10/2014

In caso di seduta deserta il Consiglio comunale è riconvocato in seconda convocazione il giorno 29 novembre 2014 – ore 21:00, stessa sede.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (47)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 06/10/2014 @ 21:08:29, in Redazionale, linkato 28690 volte)
ON.LE PROCURA REGIONALE
PRESSO LA SEZIONE GIURISDIZIONALE CORTE DEI CONTI
PER LA REGIONE LOMBARDIA

VIA MARINA 5 – 20121 MILANO (MI)

RICORSO

I sottoscritti:

Sig. Agostinelli Francesco, nato a Benevento (BN), il 01/02/1966, e domiciliato ai fini del presente ricorso presso il proprio studio, sito in Como alla Via Morazzone 21 (tel 031 26 10 05 – mail certificata: agostinelli@pec.it), in qualità di Consigliere del Comune di Tavernerio (CO), in rappresentanza della lista civica Tavernerio Città;
Sig. Princiotta Cariddi Antonino, nato a Piratino (ME il 15.01.1947 e residente in Lipomo alla Via Cadorna 226(tel.031281192–mail:antoninoprinciotta@hotmail.it), domiciliato ai fini della presente pratica presso il proprio indirizzo di residenza, in qualità di Consigliere del Comune di Lipomo (CO), in rappresentanza della lista civica L’Idea Lipomo Democratica,
Sig. Cantaluppi Alessio, nato a Como (CO) il 10.06.1984 e residente in Lipomo (CO) alla Via Volta 179 (tel 340 2363111 – mail: alessio.cantaluppi@gmail.com) domiciliato ai fini della presente pratica presso il proprio indirizzo di residenza, in qualità di Consigliere del Comune di Lipomo (CO), in rappresentanza della lista civica L’Idea Lipomo Democratica,

CONTRO

il Comune di Tavernerio (CO) in persona del Sindaco pro-tempore con sede in Tavernerio (CO) alla Via Provinciale n. 45;
il Comune di Lipomo (CO) in persona del Sindaco pro-tempore con sede in Lipomo (CO) alla Via Cantaluppi n. 294;

AVVERSO

La delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 36 del 31/10/2013 [Allegato 1];
La delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 40 del 14/11/2013[Allegato 2];
La delibera di Consiglio Comunale di Lipomo n.38 del 11/11/2013 [Allegato 11];

con le quali dette amministrazioni hanno approvato la  scissione della società Service 24 S.p.A. in due società: la Service 24 Ambiente S.r.l. e la Service 24 Idrico S.r.l.


PREMESSO IN FATTO

Per il Comune di Tavernerio

A.1 – CONSIGLIO COMUNALE DI TAVERNERIO DEL 31/10/2013.

Il giorno 31/10/2013 il Sindaco pro-tempore del Comune di Tavernerio (CO) convocava il Consiglio Comunale per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

"SERVICE 24 S.P.A." - APPROVAZIONE DI PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE NON PROPORZIONALE E ASIMMETRICA MEDIANTE TRASFERIMENTO DI PARTE DEL SUO PATRIMONIO A SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA DI NUOVA COSTITUZIONE ("SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L."). TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ "SERVICE 24 S.P.A."DA S.P.A. A S.R.L. E MODIFICA DELLA DENOMINAZIONE” 

Nel corso della seduta l’Ass. Redenti Gianvittorio illustrava l’operazione di scissione contenuta nel documento denominato “PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE NON PROPORZIONALE” [Allegato 3] avente ad oggetto la società SERVICE 24 S.p.a..
La società Service 24 S.p.A. è partecipata da vari comuni tra cui il Comune di Tavernerio e gestisce il servizio rifiuti (tramite il ramo d’azienda denominato “divisione ambiente”) ed il servizio idrico (tramite il ramo d’azienda denominato “divisione servizi”).
L’operazione di scissione societaria viene giustificata sulla base delle seguenti motivazioni riportate in sintesi:

L’art. 14 comma 32 del D.L. n. 78 del 2010 impone la messa in liquidazione delle società partecipate pubbliche. Tale disposizione non si applica alle società che abbiano partecipazioni proporzionali al numero di abitanti e costituite da Comuni la cui popolazione superi i 30.000 abitanti[allegato 3 pag. 3 e 4];

L’ imminente riorganizzazione del servizio idrico, con la costituzione di un organismo sovracomunale per la questione integrata del servizio denominato A.T.O., impone la separazione della gestione rifiuti dalla gestione del servizio idrico [allegato 3 pag. 3]; 


Al fine di rispettare quanto disposto dall’art. 14 del D.L. 78/2010 viene proposto di ripartire le quote sociali in base al numero di abitanti dei diversi comuni e di separare la gestione del servizio idrico in previsione di un imminente costituzione dell’A.T.O..

Senza entrare nel merito delle scelte politiche operate dell’Amministrazione pare doveroso, comunque, fare due considerazioni:

Un emendamento all’art. 15 della legge di Stabilità in discussione al Senato proponeva l’abrogazione dell’intera normativa in materia di riorganizzazione delle partecipate pubbliche [allegato 8];
La riorganizzazione del servizio idrico ed il conferimento all’A.T.O. avverrà con la costituzione di una ulteriore società partecipata, la COMO ACQUA S.r.l., secondo le direttive dell’Ufficio d’Ambito della Provincia di Como [allegato 9]. Procedendo con la scissione della società Service 24 S.p.A. il Comune di Tavernerio si troverà in futuro a possedere  addirittura tre partecipate, due derivanti dalla scissione della Service 24 S.p.a. (la SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L. e la SERVICE 24 IDRICO S.R.L.) ed una terza (la COMO ACQUA S.R.L.) imposta dall’Ufficio d’Ambito della Provincia di Como. Il tutto con buona pace delle politiche di contenimento della spesa pubblica.

Fatte queste dovute premesse l’operazione di scissione portata all’attenzione del Consiglio Comunale si prefigurava come segue [allegato 3 da pag. 4 a pag. 8]:
Prima dell’operazione di scissione una società:

COMUNI SOCI

CAPITALE SOCIALE

%

Albavilla

2.066,00

2

Albese con Cassano

2.066,00

2

Capiago Intimiano

2.066,00

2

Lipomo

31.713,10

30,7

Montorfano

31.661,45

30,65

Orsenigo

2.066,00

2

Tavernerio

31.661,45

30,65

TOTALE CAPITALE SOCIALE

103.300,00

100


Dopo l’operazione di scissione due società e quote attribuite in base al numero di abitanti:

SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L

GESTIONE RIFIUTI 

(DIVISIONE AMBIENTE)

SERVICE 24 IDRICO S.R.L.

GESTIONE ACQUEDOTTI (DIVISIONE SERVIZI)

COMUNI SOCI CAPITALE SOCIALE 

%

Albavilla 16.988 18,97

Albese con Cassano 11.447 12,78

Capiago Intimiano 14.932 16,67

Lipomo 15.831 17,68

Montorfano 7.291 8,14

Orsenigo 7.350 8,20

Tavernerio 15.722 17,56

TOTALE 89.561 100


COMUNI SOCI CAPITALE SOCIALE %

Lipomo 5.591 40,69

Orsenigo 2.596 18,90

Tavernerio 5.552 40,41

TOTALE 13.739 100


Il progetto di scissione non prevedeva conguagli in denaro. [Allegato 3 pag. 9 paragrafo 3.3].

Durante la discussione del Consiglio Comunale si chiedeva come fosse possibile che il Comune di Tavernerio perdesse  una quota di capitale sociale di euro 10.387,00 senza alcun corrispettivo o conguaglio in denaro.

Il capitale sociale del Comune di Tavernerio prima della scissione era:

CAPITALE SOCIALE

QUOTE SOCIETARIE DETENUTE

 

 

   A) 31.661,45 

SERVICE 24 S.p.A. 



Dopo la scissione sarebbe stato:

CAPITALE SOCIALE

QUOTE SOCIETARIE DETENUTE

     15.722,00 

SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L

      5.552,00 

SERVICE 24 IDRICO S.R.L.

B) 21.274,00

TOTALE



Con una differenza di:

C) = A)-B)

       10.387,45 

PERDITA DI CAPITALE



Veniva argomentato dall’Amministrazione che, in realtà, il Comune di Tavernerio avrebbe percepito un corrispettivo, nel corso dei cinque esercizi successivi alla scissione, grazie ad una scrittura privata da stipularsi in separata sede.
Si chiedeva a questo punto che venissero prodotti in Consiglio Comunale:

1) La scrittura privata che definiva le somme di spettanza al Comune di Tavernerio in quanto parte essenziale dell’accordo;
2) Eventuali perizie di stima della società Service 24 S.p.A. per valutare se la somma assegnata con la scrittura privata fosse congrua [allegato 4 verbale].

Viste le richieste di integrazione la decisione sulla scissione societaria veniva rinviata.


A.2 – CONSIGLIO COMUNALE DI TAVERNERIO DEL 14/11/2013.

Il giorno 14/11/2013 il Sindaco pro-tempore del Comune di Tavernerio convocava il Consiglio Comunale per discutere e deliberare sul medesimo progetto di scissione della Service 24 S.p.A. di cui al Consiglio precedente.

Gli allegati venivano integrati con:
 
SCRITTURA PRIVATA tra i comuni partecipanti la società Service 24 S.p.A., per il riparto delle spese sostenute in fase di costituzione, da stipularsi in separata sede, con un importo a favore del Comune di Tavernerio di euro 63.806,00[allegato 5 pag.5];
Bozza di Verbale dell’Assemblea dei Soci della Società Service 24 S.p.A. per dare attuazione alla scrittura privata di cui sopra [allegato 6];
Relazione di stima di ramo d’azienda per la gestione rifiuti (divisione ambiente) della Service 24 S.p.A. contenente una valutazione economica di euro 965.000,00 [allegato 7];

Al termine della discussione il progetto di scissione veniva approvato a maggioranza [allegato 10].

***
Per il comune di Lipomo

A.3 – CONSIGLIO COMUNALE DI LIPOMO DEL 11/11/2013.


Il giorno 11/11/2013 il Sindaco pro-tempore del Comune di Lipomo convocava il Consiglio Comunale per discutere e deliberare sul progetto di scissione della Service 24 S.p.A. e precisamente:

"SERVICE 24 S.P.A." - APPROVAZIONE DI PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE NON PROPORZIONALE E ASIMMETRICA MEDIANTE TRASFERIMENTO DI PARTE DEL SUO PATRIMONIO A SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA DI NUOVA COSTITUZIONE ("SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L."). TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ "SERVICE 24 S.P.A."DA S.P.A. A S.R.L. E MODIFICA DELLA DENOMINAZIONE” 

Al termine della discussione il progetto di scissione veniva approvato a maggioranza [allegato 11].


Tanto premesso in fatto, le delibere di approvazione del progetto di scissione devono ritenersi illegittime e tali vanno dichiarate, ad ogni conseguenziale effetto, per i seguenti:

MOTIVI

Per il Comune di Tavernerio e la delibera n. 40 del 14/11/2013 [Allegato 2]:

B.1 – VIOLAZIONE DELL’ART. 2506 COMMA 2 DEL CODICE CIVILE: NELLE OPERAZIONI DI SCISSIONE SOCIETARIA È VIETATO UN CONGUAGLIO IN DENARO SUPERIORE AL 10% DEL VALORE NOMINALE DELLE AZIONI ATTRIBUITE.


La delibera di Consiglio Comunale del Comune di Tavernerio 14/11/2013 è viziata da un evidente contraddizione:
da una parte, nel progetto di scissione, viene affermato che non vi sono conguagli in denaro, dall’altra, con una singolare scrittura privata tra i soci, si definiscono le somme da dare e da ricevere per riallineare le spese di costituzione alle nuove percentuali di partecipazione.
Il tutto senza versamenti diretti ma dando mandato alla stessa società Service 24 S.p.A. di fare le opportune compensazioni monetarie.
Nella bozza di delibera dell’Assemblea dei Soci della società Service 24 S.p.A. i soci pattuiscono testualmente di:

“ … operare una delegazione di pagamento a favore della Service 24 delle proprie ragioni di debito/credito come tra di loro pattuite e in precedenza evidenziate, incaricando il Presidente del Consiglio di Amministrazione pro tempore di recepire con idonei criteri gli importi indicati in premessa negli esercizi 2014-2018”
[bozza di delibera allegato 6].

Emerge in modo evidente una stretta connessione tra l’ operazione di scissione societaria ed il riparto delle spese di costituzione, in quanto il riparto di dette somme è stato argomento introdotto dalla stessa Amministrazione nella persona dell’Ass. Redenti Gianvittorio nel corso della discussione del Consiglio Comunale del 30/10/2013:
“… a Tavernerio spetterebbe un rimborso di circa 12.000 euro per 5 anni, con una diminuzione dei costi …” [Allegato 4 pag. 2].
Per di più, nel Consiglio Comunale del 14/11/2013, la scrittura privata è stata addirittura inserita come allegato alla delibera a farne quindi corpo unico.
Essendo evidente che le due operazioni sono collegate si configura violazione dell’art. 2506 comma 2 del Codice Civile il quale, nel caso di scissioni, consente:

“un conguaglio in denaro, purchè non superiore al dieci per cento del valore nominale delle azioni o quote attribuite”

Il valore nominale complessivo delle quote della Service 24 S.p.A. ammonta ad euro 103.300,00 ed il 10% risulta essere euro 10.330,00.
Il Comune di Tavernerio dovrebbe ricevere, a mezzo il citato sistema di compensazione dei crediti, la somma di euro 63.806,00 in cinque anni, importo ben superiore a quanto previsto per legge.
La norma del codice civile è di carattere imperativo e quindi inderogabile dalle parti, il legislatore nella sua formulazione vuole evitare che si utilizzi artatamente la scissione societaria per operare in realtà una cessione di quote, operazione questa che ha ben differenti profili civilistici e fiscali.

B.2 – DANNO PATRIMONIALE AL COMUNE DI TAVERNERIO IN QUANTO LA SOMMA ASSEGNATA DI EURO 63.806,00 A MEZZO SCRITTURA PRIVATA È INFERIORE AL VALORE PERIZIATO.

Come evidenziato al punto A.2 delle premesse in fatto, ai  documenti allegati alla delibera di Consiglio Comunale del 14/11/2013, si trova una perizia di stima del ramo aziendale della gestione rifiuti (divisione ambiente) destinato a confluire SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L..

Nel suo lavoro il perito giunge alle seguenti conclusioni:

Il valore della divisione ambiente, e quindi della SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L. che la rileva integralmente, viene determinato in euro 965.000,00 [allegato 7 pag.30];

Il valore della divisione servizi per la gestione acquedotti, e quindi della SERVICE 24 IDRICO S.R.L. che la rileva integralmente, è da ritenersi pari a zero svolgendo essa:

“ … un servizio di cui non beneficiano tutti i soci e che di fatto ha un impatto zero sulla redditività perché in ogni caso il conto economico divisionale è sempre in pareggio mediante copertura da parte degli utenti del disavanzo generato. Pertanto è possibile ritenere che a livello reddituale l’impatto dell’attività divisionale sia nullo (quanto a ricavi e costi) e analogamente lo sarà anche la gestione patrimoniale …” [allegato 7 pag. 7]

Considerando i valori periziati di cui sopra, la proprietà del Comune di Tavernerio subisce la seguente variazione:

Prima della scissione:

SERVICE 24 S.p.A.

GESTIONE RIFIUTI (DIVISIONE AMBIENTE)

GESTIONE ACQUEDOTTI (DIVISIONE SERVIZI)






VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI TAVENERIO

 

GESTIONE RIFIUTI (DIVISIONE AMBIENTE)

965.000,00

30,65

295.772,50

GESTIONE ACQUEDOTTI (DIVISIONE SERVIZI)

0,00

30,65

-

VALORE ECONOMICO TOTALE DI TAVENERIO



295.772,50



Dopo l’operazione di scissione:

SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L


SERVICE 24 IDRICO S.R.L.

GESTIONE RIFIUTI 


GESTIONE ACQUEDOTTI 

(DIVISIONE AMBIENTE)


(DIVISIONE SERVIZI)















VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI TAVENERIO


VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI TAVERNERIO

 


 

965.000,00

17,56

169.454,00


0,00

40,41

-










Per un valore complessivo dopo l’operazione quindi di euro 169.454.00.

La differenza tra la quota iniziale di euro 295.772,50 e quella finale di euro 169.454,00 è di euro 126.318,50.
Dedotta la somma di euro 63.806,00, che il Comune dovrebbe percepire come minori costi, residua una differenza a danno del Comune di Tavernerio di euro 62.512,50.
Se poi le motivazione di cui al punto B.1 non dovessero sussistere, e quindi non ci fosse connessione tra la scissione ed il riequilibrio delle spese di costituzione, il danno patrimoniale sarebbe di euro 126.318,50.

***

Per il Comune di Lipomo ed la delibera n. 38 del 11/11/2013 [Allegato 11]:

B.3 – VIOLAZIONE DELL’ART. 2506 COMMA 2 DEL CODICE CIVILE: NELLE OPERAZIONI DI SCISSIONE SOCIETARIA È VIETATO UN CONGUAGLIO IN DENARO SUPERIORE AL 10% DEL VALORE NOMINALE DELLE AZIONI ATTRIBUITE.

Il Sindaco pro-tempore del Comune di Lipomo portava in approvazione comunale unicamente il progetto di scissione della società Service 24 S.p.A. (e relativi allegati), senza integrare la documentazione con la perizia di valutazione di ramo d’azienda, la scrittura privata di riparto delle spese di costituzione e la bozza di verbale di assemblea per dare attuazione alla scrittura privata di cui si è trattato al  punto B.1 di cui sopra.
Si ritiene che tali documenti contengano elementi di fondamentale importanza per poter valutare correttamente il  contenuto economico dell’intera operazione.
E’ singolare che i consiglieri del Comune di Lipomo, non ne abbiano potuto discutere in Consiglio ed anzi ne abbiano preso visione solo con la pubblicazione della delibera del Comune di Tavernerio del 14/11/2013.
Valutando in modo organico il progetto di scissione, la perizia di valutazione, la scrittura privata e la bozza di verbale è evidente la violazione del comma 2 dell’art. 2506 del Codice civile.
Devono pertanto ritenersi valide, anche per il Comune di Lipomo, le motivazione di illegittimità in materia di conguaglio in denaro, esposte per il Comune di Tavernerio, al precedente punto B1 e che pertanto sono da intendersi qui integralmente riportate.

B.4 – DANNO PATRIMONIALE AL COMUNE DI LIPOMO IN QUANTO LA SOMMA ASSEGNATA DI EURO 56.296,00 A MEZZO SCRITTURA PRIVATA È INFERIORE AL VALORE PERIZIATO.

In considerazione del fatto che per il Comune di Lipomo valgono le stesse motivazioni esposte al punto B.2, per il Comune di Tavernerio, la proprietà del Comune di Lipomo subisce la seguente variazione:


Prima della scissione:

SERVICE 24 S.p.A.

GESTIONE RIFIUTI (DIVISIONE AMBIENTE)

GESTIONE ACQUEDOTTI (DIVISIONE SERVIZI)






VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI LIPOMO

 

GESTIONE RIFIUTI (DIVISIONE AMBIENTE)

965.000,00

30,70

296.255,00


GESTIONE ACQUEDOTTI (DIVISIONE SERVIZI)

0,00

30,70

-

VALORE ECONOMICO TOTALE DI TAVENERIO



296.255,00





Dopo l’operazione di scissione:

SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L


SERVICE 24 IDRICO S.R.L.

GESTIONE RIFIUTI 


GESTIONE ACQUEDOTTI 

(DIVISIONE AMBIENTE)


(DIVISIONE SERVIZI)















VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI LIPOMO


VALORE ECONOMICO TOTALE

% DI PARTECIPAZIONE

VALORE ECONOMICO DI LIPOMO

 


 

965.000,00

17,68


170.612,00



0,00

40,69

-




Per un valore complessivo dopo l’operazione quindi di euro 170.612,00.

La differenza tra la quota iniziale di euro 296.255,00 e quella finale di euro 170.612,00 è di euro 125.643,00.
Dedotta la somma di euro 69.347,00 che il Comune dovrebbe percepire come minori costi, residua una differenza a danno del Comune di Lipomo di euro 56.296,00.
Se poi le motivazione di cui al punto B.1 e B.3 non dovessero sussistere, e quindi non ci fosse connessione tra la scissione ed il riequilibrio delle spese di costituzione, il danno patrimoniale sarebbe di euro 125.643,00.

Tutto ciò premesso i ricorrenti così

CHIEDONO

Che codesta On.le Procura voglia verificare le circostanze sopra esposte ed adottare le iniziative che riterrà più opportune al fine di:
elidere l’illegittimità della delibera in data 14.11.2013 ed evitare il danno conseguente per il Comune di Tavernerio;
elidere l’illegittimità della delibera in data 11.11.2013 ed evitare il danno conseguente per il Comune di Lipomo;

Con osservanza.


Si producono i seguenti atti:

1) Delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 36 del 31/10/2013;
2) Delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 40 del 14/11/2013;
3) Progetto di scissione parziale non proporzionale della società Service 24 S.p.A.;
4) Verbale degli interventi della delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 36 del 31/10/2013;
5) Scrittura privata tra i Comuni soci della Service 24 S.p.A. per il riparto delle spese di costituzione;
6) Bozza di verbale di assemblea dei soci della Service 24 S.p.A. per attuare il riparto delle spese di costituzione;
7) Relazione di stima di ramo d’azienda della Service 24 S.p.A.;
8) Interpellanza gruppo politico Tavernerio Città in materia di abrogazione della normativa sul riordino delle partecipate pubbliche;
9) Direttive della Provincia di Como – Ufficio d’Ambito sulla costituzione di nuova società per la gestione del servizio idrico;
10) Verbale degli interventi della delibera del Consiglio Comunale di Tavernerio n. 40 del 14/11/2013;
11) Verbale delibera di Consiglio Comunale di Lipomo n.38 del 11/11/2013;
12) Documenti di riconoscimento scriventi e delega alla presentazione del presente ricorso.

Como, addì 13.06.2014.


Dr. Francesco Agostinelli


Dr. Antonino Cariddi Princiotta


Dr. Alessio Cantaluppi
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1771)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 29/09/2014 @ 14:15:43, in Consigli Comunali, linkato 1453 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MARTEDÌ 30-09-2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
  1. SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI (ART. 193 D.LGS. N. 267 DEL 18/08/2000)
  2. VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014
  3. APPROVAZIONE NUOVE REGOLE DEL SERVIZIO DI PRESTITO BIBLIOTECARIO
  4. MODIFICA ALLA CONVENZIONE DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BRIANZA COMASCA PER ADESIONE COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO. APPROVAZIONE
  5. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 9072 DEL 23/07/2014
  6. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 9073 DEL 23/07/2014
  7. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 9074 DEL 23/07/2014
  8. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 03/09/2014 @ 13:48:55, in Redazionale, linkato 1911 volte)
Il dottor Enrico Casartelli ci ha lasciato.
E' stato un buon medico e uno stimato Sindaco di Tavernerio. Gli siamo stati compagni di strada per un tratto, poi, come spesso accade in politica, le nostre strade si sono allontanate e siamo diventati avversari per un lungo periodo. Da ultimo pero' ci sembra che per lui come per noi l'inimicizia si fosse stemperata e la contesa ridimensionata come sempre accade quando, trascorso il tempo, le cose si guardano sotto una luce diversa e piu' oggettiva.
Ora la morte, forse l'unica cosa vera, autentica e disinteressata che ci tocca fare nella nostra vita, azzera del tutto il contatore delle asprezze.
Ciao, Enrico, alla fine si è lottato umilmente per lo stesso fine, cioe' il bene della nostra gente. Nessuno ha vinto. Tu sei arrivato prima alla verita'.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 22/07/2014 @ 16:29:26, in Consigli Comunali, linkato 1922 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO VENERDÌ 25-07-2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
  1. APPROVAZIONE DEL PIANO DELLE ALIENAZIONI E DELLE VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI
  2. TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN DIRITTO DI PIENA PROPRIETA' E SOPPRESSIONE DEI LIMITI DI GODIMENTO PREVISTI NELLE CONVENZIONI ( EX ART.35 L. 865/71)
  3. APPROVAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO 2014, DELLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA, DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014/2016 E DEI RELATIVI ALLEGATI - ESAME EVENTUALI EMENDAMENTI
  4. APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2014 - 2016 E DELL'ELENCO ANNUALE DEI LAVORI 2014, AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 1 DEL DECRETO MINISTERIALE (INFRASTRUTTURE E TRASPORTI) 11 NOVEMBRE 2011
  5. REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE A FAVORE DI MINORI, ANZIANI, DISABILI O PERSONE IN SITUAZIONE DI NECESSITA' - APPROVAZIONE
  6. REGOLAMENTO PER L'ESENZIONE E RIDUZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AI SERVIZI SCOLASTICI - MENSA E TRASPORTO - APPROVAZIONE.
  7. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/07/2014 @ 14:31:01, in Consigli Comunali, linkato 2493 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MARTEDÌ 22-07-2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.



ORDINE DEL GIORNO

    1. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) - APPROVAZIONE
    2. APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI URBANI - ANNO 2014
    3. APPROVAZIONE TARIFFE RIFIUTI (TARI) - ANNO 2014
    4. DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) - ANNO 2014
    5. MODIFICA DEL REGOLAMENTO PER L'ADDIZIONALE IRPEF COMUNALE
    6. REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI. APPROVAZIONE
    7. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 4639 DEL 29/04/2014
    8. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 4640 DEL 29/04/2014
    9. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 4641 DEL 29/04/2014
    10. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 4642 DEL 29/04/2014
Articolo (p)Link Commenti Commenti (25)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 25/04/2014 @ 16:02:25, in Consigli Comunali, linkato 1591 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO LUNEDÌ 28-04-2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.



ORDINE DEL GIORNO

  1. ESAME ED APPROVAZIONE RENDICONTO 2013
  2. COMITATO DI REDAZIONE DEL NOTIZIARIO COMUNALE "IL PAESE". NOMINA SOSTITUTO
  3. COMMISSIONE BIBLIOTECA. SOSTITUZIONE COMPONENTI
  4. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 2210 DEL 27/02/2014
  5. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SIG. POZZI LORENZO PROT. 2211 DEL 27/02/2014
  6. RISPOSTA AD INTERPELLANZA PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 2212 DEL 27/02/2014
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 21/02/2014 @ 14:10:15, in Consigli Comunali, linkato 3222 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MERCOLEDI' 26 FEBBRAIO 2014 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO

1. APPROVAZIONE DEL PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO PER L'ANNO SCOLASTICO 2013/2014

2. PROROGA AL 31/12/2014 PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DEPURAZIONE SCARICHI CIVILI E INDUSTRIALI DELLA CONVALLE COMASCA ALLA SOCIETA' COMODEPUR S.P.A.

3. APPROVAZIONE PROROGA TECNICA GESTIONE SERVIZIO IDRICO CON LA SOCIETA' SERVICE 24

4. COSTITUZIONE SOCIETA' " IN HOUSE " PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL TERRITORIO DELL'ATO DI COMO E APPROVAZIONE RELATIVO STATUTO.

5. APPROVAZIONE PROGETTO REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA STRUTTURA DESTINATA ALLA PRATICA FISICO-RICREATIVA E TERAPEUTICO-RIABILITATIVA NELL'AREA DI VILLA S. MARIA.

6. COMITATO DI REDAZIONE DEL NOTIZIARIO COMUNALE "IL PAESE". REVOCA DELLA NOMINA DI UN COMPONENTE.

7 .RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 13567 DEL 26/11/2013

8. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 13569 DEL 26/11/2013

9. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (66)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 05/12/2013 @ 21:27:27, in Terzi, linkato 3090 volte)
da La Provincia di Como del 2 dicembre 2013

L'ACCORDO SALTA ALL'ULTIMO MOMENTO




Articolo (p)Link Commenti Commenti (28)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 02/12/2013 @ 22:20:10, in Interpellanze, linkato 5050 volte)
Oggetto: Service 24 S.p.A. operazione di scissione non proporzionale.

In relazione al progetto di scissione non proporzionale della società Service 24 S.p.A. si apprende dalla stampa specializzata (il sole 24 ore del 24 novembre 2013 pag. 4) che un emendamento all’articolo 15 della Legge di Stabilità in corso di approvazione al Senato comporterebbe l’abrogazione dell’intera normativa in materia di cessione obbligatoria di partecipate comunali.
Alla luce di quanto sopra si chiede quale siano le intenzioni di questa Amministrazione sull’argomento in oggetto.


Oggetto: problematiche di ordine pubblico.

Da diverse fonti vengono segnalati tentativi di effrazione ad abitazioni private e problemi di sicurezza nel comune di Tavernerio ed in quelli limitrofi.
Si chiede di conoscere quali siano le intenzioni di questa amministrazione in merito alla politica di tutela della sicurezza sul territorio.
Si chiede di conoscere quali azioni intenda intraprendere questa Amministrazione per risolvere in modo strutturale la mancanza di controllo del territorio causata anche dalla chiusura del consorzio di polizia.

Con Ossequio.

Il Capogruppo
Dott. Francesco Agostinelli
Articolo (p)Link Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 28/11/2013 @ 22:31:24, in Consigli Comunali, linkato 1902 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO SABATO 30-11-2013 ALLE ORE 10:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO

VARIAZIONE DI ASSESTAMENTO GENERALE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (13)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 20/11/2013 @ 18:06:42, in Consigli Comunali, linkato 5104 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO LUNEDÌ 25-11-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
1. APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI "TARES" ANNO 2013.

2. TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L'ANNO 2013

3 DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) ANNO 2013

4 APPROVAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO 2013, DELLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA, DEL BILANCIO
PLURIENNALE 2013/2015 E DEI RELATIVI ALLEGATI. ESAME EVENTUALI EMENDAMENTI.

5 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013-2015 E DELL'ELENCO ANNUALE DEI LAVORI 2013, AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 1 DEL DECRETO MINISTERIALE (INFRASTRUTTURE E TRASPORTI) 11 NOVEMBRE 2011
Articolo (p)Link Commenti Commenti (68)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 10/11/2013 @ 21:16:10, in Consigli Comunali, linkato 2399 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO GIOVEDÌ 14-11-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
  1. "SERVICE 24 S.P.A." - APPROVAZIONE DI PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE NON PROPORZIONALE E ASIMMETRICA MEDIANTE TRASFERIMENTO DI PARTE DEL SUO PATRIMONIO A SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA DI NUOVA COSTITUZIONE ("SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L."). TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ "SERVICE 24S.P.A."DA S.P.A. A S.R.L. E MODIFICA DELLA DENOMINAZIONE
  2. I COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "STATUTO, REGOLAMENTI E PARTECIPAZIONE POPOLARE". NOMINA SOSTITUTO.
  3. II COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "BILANCIO, PROGRAMMAZIONE, TRIBUTI E PERSONALE". NOMINA SOSTITUTO
  4. III COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "URBANISTICA, AMBIENTE, VIABILITA', TRASPORTI, LAVORI PUBBLICI". NOMINA SOSTITUTO
  5. IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "PUBBLICA ISTRUZIONE, CULTURA, TEMPO LIBERO E SPORT". NOMINA SOSTITUTO.
  6. COMITATO DI REDAZIONE DEL NOTIZIARIO COMUNALE "IL PAESE" . NOMINA SOSTITUTI.
  7. PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI E PER L'ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI
    ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE IN STATO DI BISOGNO.
  8. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (25)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 25/10/2013 @ 14:39:04, in Consigli Comunali, linkato 1990 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO GIOVEDÌ 31-10-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
  1. "SERVICE 24 S.P.A." - APPROVAZIONE DI PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE NON PROPORZIONALE E ASIMMETRICA MEDIANTE TRASFERIMENTO DI PARTE DEL SUO PATRIMONIO A SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA DI NUOVA COSTITUZIONE ("SERVICE 24 AMBIENTE S.R.L."). TRASFORMAZIONE DELLA SOCIETÀ "SERVICE 24S.P.A."DA S.P.A. A S.R.L. E MODIFICA DELLA DENOMINAZIONE
  2. SURROGA DI CONSIGLIERE COMUNALE DIMISSIONARIO
  3. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 11318 DEL 02/10/2013
  4. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (23)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 27/09/2013 @ 15:16:05, in Consigli Comunali, linkato 1935 volte)



SI DA’ NOTIZIA DELLA INTEGRAZIONE DELL’ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ MARTEDÌ 01-10-2013 ALLE ORE 20:30 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE, CON IL SEGUENTE PUNTO:

8. SURROGA CONSIGLIERE COMUNALE DIMISSIONARIO.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 26/09/2013 @ 15:19:19, in Consigli Comunali, linkato 4058 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MARTEDÌ 01-10-2013 ALLE ORE 20:30 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.


ORDINE DEL GIORNO

  1. I COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "STATUTO, REGOLAMENTI E PARTECIPAZIONE POPOLARE". NOMINA SOSTITUTO.
  2. II COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "BILANCIO, PROGRAMMAZIONE, TRIBUTI E PERSONALE". NOMINA SOSTITUTO.
  3. IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE: "PUBBLICA ISTRUZIONE, CULTURA, TEMPO LIBERO E SPORT". NOMINA SOSTITUTI.
  4. COMMISSIONE BIBLIOTECA. SOSTITUZIONE COMPONENTE.
  5. PRESA D'ATTO DIMISSIONI E NOMINA DIRETTORE DEL NOTIZIARIO COMUNALE "IL PAESE".
  6. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 8945 DEL 24/07/2013.
  7. COMUNICAZIONI DEL SINDACO.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (104)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/07/2013 @ 22:35:01, in Consigli Comunali, linkato 3770 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MARTEDÌ 23-07-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO
  1. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
  2. SURROGA DI CONSIGLIERE COMUNALE DIMISSIONARIO
  3. APPROVAZIONE MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA
  4. APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L'ESENZIONE E LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AI SERVIZI SCOLASTICI - MENSA E TRASPORTO
  5. APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TARIFFA SUI RIFIUTI E DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI (TARES)
  6. MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA AI SENSI DELL'ART. 21 DEL D.LGS DEL 5 FEBBRAIO 1997 N. 22 E SS.MM.II.
  7. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 4995 DEL 2 MAGGIO 2013
  8. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO " PROT. 4996 DEL 2 MAGGIO 2013
  9. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 4997 DEL 2 MAGGIO 2013
  10. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 4998 DEL 2 MAGGIO 2013
Articolo (p)Link Commenti Commenti (101)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 19/06/2013 @ 06:42:10, in Consigli Comunali, linkato 1825 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MERCOLEDÌ 19-06-2013 ALLE ORE 19:30 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

IN CASO DI RIUNIONE ANDATA DESERTA PER MANCANZA DEL NUMERO LEGALE, LA SEDUTA DI SECONDA CONVOCAZIONE SI TERRA’ IL GIORNO 21.06.2013 ALLE ORE 19:30 PRESSO LA STESSA SEDE.

ORDINE DEL GIORNO

1. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO: ESAME OSSERVAZIONI, CONTRODEDUZIONI ED APPROVAZIONE DEFINITIVA.

NEL CASO DI ECCESSIVO PROTRARSI DEI LAVORI CONSILIARI LE SEDUTE POTRANNO ESSERE AGGIORNATE AL GIORNO SUCCESSIVO LAVORATIVO, STESSA SEDE ED ORARIO.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 02/05/2013 @ 22:32:15, in Interpellanze, linkato 7097 volte)


GRUPPO CONSILIARE TAVERNERIO CITTA’

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI TAVERNERIO


Oggetto: interpellanza sull’operazione di liquidazione della società Angelo Borella S.p.A. e sull’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate di Como numero 20111T000590000 recante un maggior imponibile di euro 705.825,00.

Premesso
a)  che, in data 10 aprile 2003, con atto del Notaio Varrica Carmelo (Rep. 50.734 – Racc. 13.440), il Comune di Tavernerio (di seguito indicato anche con il termine Comune o Amministrazione) e L’ I.P.A.B. Asilo Infantile Rag. Angelo Borella (di seguito indicata anche con il temine Fondazione) hanno costituito la Società Angelo Borella S.p.A., [Allegato1];
b)  che , ai sensi dell’art. 5 del citato atto costitutivo, il capitale sociale è stato assunto e sottoscritto dai soci nel seguente modo:
- il comune di Tavernerio per una quota di euro 1.025.00,00, pari al 50% del Capitale Sociale;
- l’Asilo Infantile Rag. Angelo Borella per una quota di euro 1.025.000,00, pari al 50% del Capitale Sociale [Allegato 1 pag.2];
c)  che, ai sensi dell’articolo 3 dello statuto, la società Angelo Borella S.p.A. aveva per oggetto sociale: “…l’esercizio e la gestione di servizi pubblici che abbiano per oggetto la produzione di beni ed attività per realizzare fini sociali e promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali, in conformità a quanto dispone l’art. 112 del D. Lgs 18 agosto 2000, n 267, con particolare attenzione all’infanzia, mediante la gestione di scuola materna e asilo nido; alla terza età, mediante la gestione di un centro polifunzionale per anziani; alle fasce di popolazione disagiate, mediante la gestione delle attività proprie dei servizi sociali…”;
d)  che, in data 14 ottobre 2003, con atto del Notaio Varrica Carmelo (Rep. 51.103 – Racc. 13.655) [Allegato 2] l’I.P.A.B. Asilo infantile si è trasformato nella Fondazione Asilo Angelo Borella ed è stata iscritta, a seguito di delibera della Regione Lombardia n. 15872 del 30 dicembre 2003, al Registro delle Persone Giuridiche Private tenuto dalla Regione Lombardia il 31 dicembre 2003 con il numero 1788 [Allegato 3];
e)  che la società Angelo Borella S.p.a. ha iniziato la sua attività in data 01 ottobre 2003 [Allegato 4 pag. 8] ed ha ottenuto i seguenti risultati di esercizio:
- BILANCIO AL 31/12/2003 -35.468,00 [Allegato 5];
- BILANCIO AL 31/12/2004 -23.290,00 [Allegato 5];
- BILANCIO AL 31/12/2005 -295.128,00 [Allegato 6];
- BILANCIO AL 31/12/2006 -336.753,00 [Allegato 6];
- BILANCIO AL 31/12/2007 -237.105,00 [Allegato 7];
f)  che, in data 12 novembre 2008 con atto del notaio Caspani Massimo [Repertorio 54421/20929] la società è stata messa in liquidazione [Allegato 4 pag.11];
g)  che durante la fase di liquidazione sono stati ottenuti i seguenti risultati economici;
- BILANCIO AL 31/12/2008 + 57.930,00 [Allegato 7];
- BILANCIO AL 31/12/2009 -120.506,51 [Allegato 8 pag.23];
- BILANCIO AL 22/12/2010 -133.067,84 [Allegato 8 pag.23]
 h)  che la società ha ultimato la liquidazione in data 22 ottobre 2010 distribuendo ai soci un valore netto di euro 1.784.596,12 di cui euro 889.072,00 al Comune ed euro 895.524,12 alla Fondazione [Allegato 8 pag.3]
 i)  che durante il Consiglio Comunale del 21 dicembre 2010 che ha deciso lo scioglimento della società [Allegato 9], il dott. Aiani Giovanni, Consigliere di Minoranza del Gruppo Consiliare “Tavernerio Città”, ha espresso seri dubbi sul valore attribuito ai terreni assegnati ai soci in fase di liquidazione. Per completezza si riporta il passaggio che interessa:
 “… il consigliere Aiani chiede di seguito notizie se è stato fatto interpello all’Agenzia delle Entrate sugli importi fiscali da pagare; le perplessità sono piuttosto importanti visto che in delibera viene indicato che a seguito delle assegnazioni non risultano né crediti né debiti. Infatti l’Agenzia” potrebbe esperire accertamento “per via dei diversi valori dei lotti a seguito di diversa vocazione es. lotto B edificatorio, circa 30.000mq per totali 834.000, così come per i lotti della Fondazione, es vicino Gnocchetto, potrebbero essere considerati con diversa imposizione fiscale e quindi esporre il Consiglio, magari tra un paio d’anni, a rideterminare la perizia per i maggiori debiti. Per tali motivi la delibera, dal punto di vista della valutazione, qualche dubbio lo lascia proprio in ordine ad eventuali interventi dell’Ufficio delle Entrate… ”
l)  che in data 23 gennaio 2013 l’Agenzia delle Entrate di Como ha notificato al comune di Tavernerio l’ avviso di accertamento numero 20111T000590000, recante un maggior valore dei beni attribuiti in fase di liquidazione della Borella S.p.A. per euro 705.825,00 e maggiori imposte per euro 123.448,00 e sanzioni per euro 123.448,00 di cui i Comune di Tavernerio è responsabile in solido con la Fondazione Asilo Angelo Borella [allegato 10];
considerato
che la società Angelo Borella S.p.A. è nata sulla base dei seguenti presupposti:
- sia il Comune di Tavernerio sia la Fondazione Borella hanno sempre avuto una innegabile funzione di servizio alla comunità e questo a prescindere dal mero profilo “pubblico” o “privato”, questa distinzione formali non cambia la natura di Enti che sono posti al servizio della comunità di Tavernerio;
- sia il Comune di Tavernerio, per vincoli di carattere burocratico, sia la Fondazione, per carenze di carattere organizzativo, hanno avuto difficoltà a gestire in modo efficiente il proprio consistente patrimonio immobiliare
 - vista la comunanza di scopo è parso conveniente razionalizzare la gestione creando una società la cui struttura “immobiliare”, opportunamente valorizzata, fosse messa a disposizione del Comune e della Fondazione per il perseguimento del bene comune;
- l’inserimento nello statuto della società di funzioni sociali quali la gestione dell’asilo e dei servizi sociali rappresentava il modo mettere il patrimonio immobiliare al servizio della vocazione sociale, comune ad entrambi gli Enti.
Tutto quanto sopra premesso e considerato,
A) IN RELAZIONE ALLA PROCEDURA DI LIQUIDAZIONE DELLA SOCIETÀ ANGELO BORELLA S.P.A.:
si chiede:
1)  che l’Amministrazione spieghi come abbia potuto la società Angelo Borella S.p.A., costituita con un capitale di euro 2.050.000,00 e che ha avuto perdite da bilancio, dal 2003 al 2010, per euro 1.123.388,35, distribuire ai soci beni per un valore di euro 1.784.596,12 con un maggior valore rispetto al dato contabile di euro 857.984,47.
La natura di tale differenza può dipendere dai seguenti motivi:
- Valori non corretti nella perizia iniziale di conferimento;
- Valori non corretti nei bilanci di esercizio;
- Valori non corretti nella perizia finale di liquidazione o nel bilancio finale di liquidazione;
- Presenza di un incremento del valore patrimoniale della società, tra la data di conferimento e quella di liquidazione, che legittimamente non è stato iscritto nei bilanci di esercizio dal 2003 al 2010 in ottemperanza ai principi contabili i quali vietano di iscrivere a bilancio le plusvalenze non realizzate;
2) che l’Amministrazione fornisca un conteggio preciso, nel caso in cui fossero accertate plusvalenze patrimoniali emerse solo in fase di liquidazione, del risultato economico di tutto il periodo di esistenza della Società Angelo Borella S.p.a..
Se fosse vero che vi sono state plusvalenze non contabilizzate per euro 857.984,47, la perdita complessiva della società sarebbe non di euro 1.123.388,35 bensì di euro 265.403,88 (valore comunque tutto da verificare visto che l’accertamento, ancora non definitivo dell’Agenzia delle Entrate di Como, evidenzia un maggior valore di euro 705.825,00 il quale porterebbe addirittura la società in utile!) ;
3) che l’Amministrazione dia conto in dettaglio di tutti i costi generati dalla procedura di liquidazione.
Alla luce dei due punti precedenti il totale dei costi sostenuti per sole imposte indirette da parte della Fondazione, pari ad euro 219.204,00, e la perdita generata dalla procedura di liquidazione al 22 dicembre 2010 euro 133.068,00, sono addirittura superiori alla perdita della società ricalcolata come sopra, con il paradosso che per coprire una perdita societaria di 265.403,88 (generata in sette anni per erogare servizi sociali sulla comunità ed ancora provvisorio visto l’accertamento dell’Agenzia delle Entrate) se ne sarebbero spesi in due anni più di 300.000,00, di cui buona parte finiti in imposte e tasse versate allo Stato.
4) che l’Amministrazione si esprima sulla necessità di sostenere un costo così elevato per la chiusura della società.
Il giudizio viene chiesto tenuto conto dei seguenti elementi:
- una volta ridotto al minimo l’operatività della società (considerando le imposte comunali una partita di giro) con quanto speso dal Comune e dalla Fondazione per la liquidazione si sarebbe potuto mantenere in vita la società per alcuni decenni.
Si sarebbe potuto conservare uno strumento importante per le future amministrazioni, le quali, anche se non avessero voluto realizzare il villaggio della terza età di cui si allega lo studio di fattibilità [Allegato 11], avrebbero potuto perlomeno raggiungere il risultato di tutelare adeguatamente i beni patrimoniali della comunità di Tavernerio. Con quali obiettivi si è deciso liquidare la società ed assegnare i beni patrimoniali ai soci? Se lo scopo era vendere, valorizzare o semplicemente conservare gli asset patrimoniali lo si poteva benissimo fare con l’esistente organismo societario adeguatamente ristrutturato. Si è deciso di eliminare lo strumento, ma i problemi che si era cercato di risolvere con la creazione della società Angelo Borella S.p.a., ovviamente, quelli sono rimasti con una situazione che è ormai evidente e particolarmente preoccupante: la Fondazione, per finanziare l’operazione di liquidazione, si è indebitata a tal punto da non riuscire a pagare neanche l’I.M.U. al Comune di Tavernerio. L’unica prospettiva della Fondazione è quella di sopravvivere, sempre che l’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate non le dia il colpo di grazia, tentando di vendere, speriamo non svendere, i propri beni patrimoniali. Il Comune, che ha avuto in assegnazione l’area denominata “Lessi” , con lo strumento societario avrebbe potuto fare qualsiasi operazione di valorizzazione o alienazione usufruendo della maggiore snellezza amministrativa tipica delle società di capitali. La decisione di liquidare lo strumento societario non solo non ha risolo i problemi di fondo, ma ne ha creati di altri, come ad esempio l’intervento dell’Agenzia delle Entrate in sede di controllo del valore di trasferimento dei beni ani soci.
B) IN RELAZIONE ALL’AVVISO DI ACCERTAMENTO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE DI COMO NUMERO 20111T000590000:
si chiede
1) che l’Amministrazione riferisca, sentito anche il parere del Revisore del Comune, sull’esistenza di un potenziale rischio di ulteriori accertamenti.
Si chiede di valutare le ripercussioni sul Comune di Tavernerio nel caso in cui l’avviso di accertamento, emesso ai fini delle imposte indirette, fosse, anche parzialmente, recepito ai fini delle imposte dirette e se tale eventualità possa creare per il Comune la necessità di stanziare poste di bilancio a copertura del potenziale rischio;
2) che l’Amministrazione disponga un supplemento di perizia sui beni assegnati ai soci in sede di liquidazione della società Angelo Borella S.p.A..
Visto la notevole differenza tra la perizia di liquidazione e quanto accertato dell’Agenzia delle Entrate è necessario verificare, a questo punto, la consistenza di tutti o beni oggetto della liquidazione e questo a prescindere dal risultato della procedura di accertamento con adesione o contenzioso, che potrebbero essere attivati dalla Fondazione per definire l’avviso di accertamento. E’ del tutto evidente, infatti, che nel rapporto con l’Agenzia delle Entrate, la Fondazione, soggetto obbligato principale, avrà come unico obiettivo quello di minimizzare la pretesa erariale, mentre l’interesse del Comune di Tavernerio è quello di determinare la reale consistenza dei beni assegnati a Fondazione al fine di comprendere se vi sia stato un eventuale danno per il Comune.
3) di conoscere quali atti intenda adottare questa Amministrazione, a tutela del pubblico interesse, nel caso in cui l’avviso dell’Agenzia delle Entrate risulti anche in minima parte fondato.
Il maggior valore determinato dall’Agenzia delle Entrate è infatti riferito unicamente ai beni assegnati al socio privato e quindi a discapito della quota assegnata al Comune;
Tavernerio, addì 30 aprile 2013.
Il Consigliere
Dott. Francesco Agostinelli
Articolo (p)Link Commenti Commenti (27)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 25/04/2013 @ 19:29:40, in Consigli Comunali, linkato 3428 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO MARTEDI 30-04-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO

    1 AGGIORNAMENTO DEL PIANO COMUNALE  DI PROTEZIONE CIVILE. APPROVAZIONE
    2 APPROVAZIONE NUOVA CONVENZIONE PER L'ALLACCIAMENTO ALLA RETE DELLA FOGNATURA COMUNALE DELLE ACQUE PROVENIENTI DA UTENZE SITUATE NEL COMUNE DI TAVERNERIO E DETERMINAZIONE DELLE MODALITA' DI CONTRIBUTO
    3 ESAME ED APPROVAZIONE RENDICONTO 2012
    4 APPROVAZIONE CONVENZIONE PER LA REGOLAZIONE DEI RAPPORTI TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL'AMBITO TERRITORIALE GAS "COMO 1 TRIANGOLO LARIANO E BRIANZA COMASCA" E PER L'AFFIDAMENTO ALLA PROVINCIA DI COMO DELLE FUNZIONI DI STAZIONE APPALTANTE PER L'INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO GESTORE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE
    5 APPROVAZIONE REGOLAMENTO DELLA SAGRA DI SAN FEREOLO
    6 APPROVAZIONE MODIFICHE AL REGOLAMENTO PER IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI
    7 RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 1482 DEL 02/02/2013
    8 COMUNICAZIONI DEL SINDACO


Articolo (p)Link Commenti Commenti (107)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 01/02/2013 @ 10:20:42, in Consigli Comunali, linkato 7116 volte)


SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO VENERDÌ 01-02-2013 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE ORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO

  1. APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI
  2. APPROVAZIONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI
  3. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 12625 DEL 30/11/2012
  4. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 12626 DEL 30/11/2012
  5. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 10627 DEL 30/11/2012
  6. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "TAVERNERIO CITTA' " PROT. 12628 DEL 30/11/2012
  7. RISPOSTA AD INTERPELLANZA DEL GRUPPO CONSILIARE DI MINORANZA "NUOVA TAVERNERIO" PROT. 12629 DEL 30/11/2012
  8. COMUNICAZIONI DEL SINDACO
Articolo (p)Link Commenti Commenti (160)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 19/01/2013 @ 11:37:14, in Redazionale, linkato 3398 volte)

Il Piano di Governo del Territorio (di seguito P.G.T) ha  sostituito, in Lombardia, il Piano Regolatore Generale, ed ha la funzione di definire l’assetto del territorio a livello comunale.
Esso è pertanto uno degli atti amministrativi più rilevanti dell’amministrazione comunale, essendo destinato ad incidere profondamente sulla fisionomia urbanistica del paese e sulle sue prospettive di sviluppo.

E’ lo strumento con cui vengono fatte scelte strategiche sul futuro urbanistico delle aree pubbliche e private.
L’attuale amministrazione ha ereditato il P.G.T in una fase già avanzata di perfezionamento, erano infatti già state fatte due pratiche di Valutazione Ambientale Strategica (di seguito V.A.S.).
Lo stato di fatto del P.G.T. mostrava una evidente mancata valorizzazione delle aree a vocazione pubblica, soprattutto per l’area “Lessi” che era stata acquisita dalla liquidazione della società Angelo Borella S.p.A.
Su questa area semplicemente non è stato sviluppato alcun progetto.
Un anno fa c’era ancora tempo per rimediare, anche se un tale tipo di variazione avrebbe richiesto una ulteriore VAS e probabilmente avrebbe creato preoccupazioni per la ristrettezza dei tempi di approvazione, ma avrebbe portato un valore importante aggiunto per il Comune ed il paese.
Si è optato  invece di non fare alcuna scelta e di lasciare che le cose seguissero la strada già segnata.
Senza una decisione  politica il destino di questa area è rimasto in balia degli eventi e di scelte estemporanee ed improbabili: inizialmente nel bilancio di previsione 2012 ne era prevista la cessione, successivamente, nelle rettifiche di bilancio 2012, si è rinunciato alla cessione, poi nell’ultima sessione di Consiglio Comunale di dicembre 2012 il Sindaco ha comunicato che una delle ipotesi di valorizzazione dell’area Lessi potrebbe essere quello di costruirci una casa di riposo.
E’ veramente sorprendente che a poco tempo dalla chiusura della società partecipata Angelo Borella S.p.A., il cui scopo era quello di costruire e gestire il Villaggio della Terza Età, venga riproposta la stessa idea.
Vi sono poi forti preoccupazioni sulle proprietà della Fondazione Borella, che, con il PGT approvato, hanno subito importanti svalutazioni e, visto lo stato in cui si trova la Fondazione, oggetto già di interpellanza comunale, si corre il rischio di manovre di carattere speculativo sui suoi beni patrimoniali, oltreché il possibile venir meno della capacità finanziaria della stessa.
E’ per queste mancate scelte che non si può condividere il lavoro fatto.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (64)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 18/12/2012 @ 22:58:48, in Consigli Comunali, linkato 9994 volte)
SI DA’ NOTIZIA DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CHE SI TERRA’ IL GIORNO GIOVEDÌ 20-12-2012 ALLE ORE 21:00 IN SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE – SESSIONE STRAORDINARIA, PRESSO L’AUDITORIUM COMUNALE.

ORDINE DEL GIORNO

1. ADOZIONE DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELL' ART. 13 DELLA L.R.12/2005.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (59)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 13/12/2012 @ 07:18:48, in Redazionale, linkato 2997 volte)
Oggi la Guardia di Finanza controlla più di prima le attività produttive e commerciali. I comuni aumentano le addizionali I.r.p.e.f. e calcano la mano sull’I.M.U..
L’esazione delle somme dovute è affidata a sistemi costosi che usano il pignoramento. Forse si ridiscuterà delle fasce di esenzione del cittadino nella sanità. Insomma correttamente si cerca di eliminare disfunzioni e furberie.
E alla Fondazione Borella? Ci sono comunicazioni? Qualcuno controlla? Come vanno le cose?
Se un cittadino avesse una società, anche solo per gestire il suo patrimonio di diversi milioni di euro, la chiuderebbe per intestarsi i beni personalmente?
Bhe, ognuno fa quello che preferisce. Si ma con la roba sua non con quella di tutti, si potrebbe osservare subito. Ma stiamo sul pezzo, nel merito delle cose.
La prima domanda che si dovrebbe fare è: mi conviene? Perchè se non mi conviene, e lo faccio, sono un pessimo amministratore e forse dovrei farmi dare una mano o affidare la conduzione ad altri.
Per farla breve e diretta: la Fondazione Angelo Borella, Via Cesare Battisti, 22 Tavernerio, possedeva una sua società Angelo Borella S.p.a. Alla fine era rimasto nella S.p.a. solo il patrimonio di diversi milioni di euro. La Fondazione controllando la S.p.a. poteva benissimo gestirlo direttamente: vendere, comprare, costruire. Poteva fare tutto liberamente con il solo costo di un amministratore unico che poteva anche solo fare il minimo vitale in attesa di un progetto di valorizzazione.
Ebbene cosa è avvenuto? Storie d’altri tempi. Di prima del motore.
Metti insieme due geni della finanza come l’ex Sindaco Gianni Rossini e l’onnipresente Presidente Renato Olivieri (presidente da 9 anni ininterrottamente: punta il record di Formigoni?)e cosa ti fanno?
Chiudono la società e intestano i beni al Comune e alla Fondazione. Geniale.  Si dirà hanno risparmiato i soldini per tenere la società aperta. Non per risparmiare l’I.M.U. quella la fondazione deve continuare a pagarla.
Va bene, ma quanto hanno speso dei soldi della fondazione per farlo? Avranno valutato per il meglio si direbbe.
Insomma spesi per l’operazione di liquidazione (a giudicare dal valore dei terreni assegnati) 300.000 euro, 600 milioni del vecchie lire. Per una azione inutile.
Spettacolare!!! E nessuno dice nulla su questo modo di amministrare? E continuano ad amministrare ancora? Si sussurra che si ricandideranno a gennaio 2013 per altri 3 anni (dopo averne già fatti 9). Scommettiamo che lo faranno?
Ah ci si dimenticava: ogni anno si dividono quasi 20.000 euro di compensi.
Storie d’altri tempi. Di prima del motore.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (80)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 30/11/2012 @ 17:45:10, in Interpellanze, linkato 4210 volte)

Consiglio Comunale 29 Novembre 2012

Premesso:

  • -  che le tavole istitutive della fondazione in oggetto attribuiscono alla stessa una chiara vocazione pubblica di “servizio alla comunità”;

  • -  che attualmente la fondazione coinvolge direttamente ed indirettamente un indotto complessivo di circa un centinaio di persone;

  • -  che il Comune di Tavernerio sottoscrive, con tale fondazione, convenzioni per il sostegno economico dell’importante ruolo che la stessa svolge nella scuola dell’infanzia e del nido, per un numero significativo di bambini del territorio;

  • -  che la fondazione possiede la qualifica di “scuola paritaria” ricevendo, quindi, fondi pubblici;

  • -  che il nuovo statuto della fondazione, per estromette il Comune di Tavernerio da qualsiasi forma di presenza diretta nel consiglio di amministrazione della fondazione;

  • -  che la comunicazione circa i meccanismi di nomina e i compensi degli amministratori, come del resto la redazione e i contenuti dei bilanci, di tale ente è sostanzialmente sconosciuta alla maggioranza dei cittadini di Tavernerio a cui le tavole istitutive

indirizzano i servizi e i benefici del patrimonio della fondazione;

          si interpella il Sindaco per chiedere: 

1)di poter conoscere quali siano gli indirizzi dell’Amministrazione circa la continuazione della sottoscrizione di convenzioni con la fondazione, per quanti anni e a quali importi;

2)di poter conoscere il calcolo degli importi e lo stato dei pagamenti circa l’I.M.U. che eventualmente la fondazione deve alle casse comunali;

3)di poter conoscere in Consiglio Comunale i sistemi di elezione degli amministratori, da quanti mandati amministrano e con che risultati, per un’ adeguata tutela delle somme pubbliche erogate;

4)di rendere pubblici, con lo strumento del Consiglio Comunale, gli attuali valori patrimoniali della fondazione, gli elementi rilevanti del bilancio, i risultati economici degli ultimi esercizi e la relazione del C.d.A. al fine di verificare se la fondazione abbia la capacità finanziaria di adempiere alla proprie obbligazioni;

5)se l’amministrazione intende assicurare adeguata e diffusa comunicazione del bilanci della fondazione ai cittadini;

6)di poter conoscere in dettaglio, in Consiglio Comunale, il trattamento riservato al patrimonio della fondazione nel prossimo P.G.T., con particolare riferimento ad un’ analisi che evidenzi incrementi e decrementi di valore di un patrimonio che appartiene alla comunità locale;

7)di poter disporre di una relazione tecnica sull’idoneità degli attuali edifici, sia della fondazione che di eventuali altri asili nido territoriali, come quelli di proprietà comunale, dove attualmente si sviluppa la politica scolastica della

prima infanzia e del nido. La costante presenza del personale e dei minori, non può far dimenticare che la responsabilità didattica è comunque in capo alla direzione dell’Istituto comprensivo, quella sanitaria all’A.s.l., mentre la vigilanza sugli edifici è a carico dell’ente comunale.

Con ossequio. Como, addì 29.11.2012. 
                    IN CONSIGLIERE                DR FRANCESCO AGOSTINELLI 
Articolo (p)Link Commenti Commenti (31)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Cerca per parola chiave
 



Titolo


Ultime notizie


23/10/2019 @ 13:48:42
script eseguito in 328 ms

info@taverneriocitta.it

 

 Taverneriocittà © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source