\\ : Articolo : Stampa
CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 MAGGIO 2016 – PARERGA E PARALIPOMENA
Di Admin (del 30/05/2016 @ 22:41:52, in Redazionale, linkato 531 volte)


In data 20/05/16 si è tenuto l’ultimo Consiglio Comunale dell’attuale amministrazione. Riteniamo utile rilevare alcune precisazioni ed alcune cose non dette.
1)
Il Revisore dei conti segnala valori per € 2.300.000,00 “di difficile individuazione”. A domanda, il Sindaco passa la parola alla responsabile amministrativa che dice di non sapere di cosa si tratti perché non ha ancora approfondito l’argomento, ma non c’è problema. Il problema è che il Revisore è nuovo e, quindi, … Quindi cosa? Quindi la contabilità non è leggibile. E noi ce ne siamo accorti solo perché è arrivato un Revisore nuovo e, soprattutto, noi stessi non la sappiamo leggere visto che non abbiamo saputo dare risposta immediata alla domanda di chiarimento?
Osserviamo, inoltre, che se un Revisore scrive che una posta contabile è “di difficile individuazione” vuol dire che non vuole metterci in difficoltà, ma, tradotto in linguaggio comune, significa che si tratta di una contabilità inattendibile.
2)
Ancora una volta, come già nel precedente Consiglio, ci viene detto che nessuno si è preoccupato di effettuare una verifica nei conti di Service 24. Visto che ormai non abbiamo più un nostro rappresentante in Società, forse sarebbe il caso di guardare un po’ meglio i conti, così come fa la buona massaia quando va a fare la spesa. Prende lo scontrino e lo controlla attentamente. E si tratta di una spesa di qualche decina di euro. In Service 24 noi si pagano al buio i conti di una società che nel 2014, prima dell’entrata di Erba e Brunate, ha mosso oltre 3 milioni di euro.
3)
A domanda circa i vantaggi che offre l’entrata di Erba e Brunate in Service 24, si risponde che c’è già stato un vantaggio immediato che ha consentito di ridurre la tariffa e si spera in vantaggi futuri. Si spera. Così come si spera che la raccolta porta a porta del vetro porti vantaggi. In un’amministrazione dell’effimero, si vive di speranze.
Noi “si spera” che la prossima amministrazione ci porti delle precise proiezioni, fatte di numeri e supportate da precise analisi, non di speranze. E, per amore della verità, si ricorda che la riduzione della tariffa è dovuta solo in piccola parte dalla ripartizione delle spese generali su Erba, ma è dovuta soprattutto ad una revisione contabile degli accantonamenti del fondo crediti di dubbia esigibilità ed al pagamento di quanto dovuto a Tavernerio, pagamento che, alla fine, sarà di molto inferiore al valore “rapinato” al nostro comune, con il beneplacito dei nostri Amministratori.

Di cose da dire ce ne sarebbero ancora, ma temiamo la noia del lettore che invitiamo a votare correttamente per una Amministrazione capace ed attenta.