LA FONDAZIONE ASILO ANGELO BORELLA DI SOLZAGO - Taverneriocittà - dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
HOME | FORUM | ATTI PUBBLICI | FILMATI | CONTATTI
  •  
  • Caro Carlo, io me ne intendo poco, ho vissuto poco, ho studiato poco, so poca storia,
    ma mi pare che stiamo vivendo un momento grave, un colossale parto
    e quindi ti consiglio di lasciare la nave (per quanto piena di viveri) che sta per affondare.

    Lettera di don Lorenzo Milani al cugino Carlo. 26-12-1947

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Titolo
Appuntamenti (3)
Archivio redazionali (40)
Consigli Comunali (79)
Interpellanze (8)
Lettere al Sindaco (2)
Redazionale (63)
Terzi (23)

Ultimi commenti:
Non è solo l'asilo che non va. E' il verde pubblico, gestito senza progettu...
26/06/2017 @ 08:46:30
Di meglio prima
L'asilo è alla frutta. il problema per il nostro Sindaco è decidere se cac...
23/06/2017 @ 18:57:48
Di chi se ne frega ?
Vedremo se queste critiche saranno manifestate da chi ci rappresenta in con...
21/06/2017 @ 07:54:00
Di Agostinelli ci manchi
Non siamo conniventi. Siamo propositivi e critici. ma certo senza cambi di...
20/06/2017 @ 23:22:05
Di l'ortolano matto
Anche io vedo superficialità ma anche inettitudine e attenzione per futilit...
20/06/2017 @ 09:44:10
Di finita
Occorre che questa amministrazione dimostri di esserci su temi decisivi del...
20/06/2017 @ 07:55:50
Di primo anno
E' QUELLO CHE TEMONO IN MOLTI. E COME ABBIAMO POTUTO VEDERE IN VARIE OCCASI...
19/06/2017 @ 14:55:26
Di W GAFFURI
Una volta si diceva: roba da giupit.Il vento da Albese è proprio da giostre...
19/06/2017 @ 14:21:31
Di giupit
....Non diventeremo mica un paese delle feste anche noi????
19/06/2017 @ 14:12:26
Di no
E comunque una bella bacchettata sulle orecchie la meriterebbe anche il nuo...
19/06/2017 @ 14:11:36
Di male anche Invernizzi
In effetti anche secondo me questo sindaco è molto autoreferenziale.Molto d...
19/06/2017 @ 12:52:23
Di il circo
mah....fra una festa e l'altra magari....
19/06/2017 @ 09:15:40
Di forse
Si occorre moderazione e fermezza.E intelligenza,Speriamo che l'amministraz...
16/06/2017 @ 14:48:29
Di chissà
attendiamo, magari per furor di popolo qualcosa si muove...però non attendi...
16/06/2017 @ 14:45:43
Di e' ora
Io mi chiedo seriamente, in seguito al "niente amministrativo" che nell'ult...
14/06/2017 @ 08:05:35
Di smarchiamoci
qualche anno????L'asilo è al bivio: o la gente preme sugli amministratori a...
13/06/2017 @ 14:35:32
Di Dagli all'ammazzapopolo
E mentre Angelo riposa in pace magari rivoltandosi nella tomba, l'Asilo bor...
12/06/2017 @ 15:32:08
Di Angelo riposa in pace
ANGELO VIVE!
08/06/2017 @ 13:58:34
Di iocisono
Concordo.basterebbe inondare questo sito con brevi posto tipo:ANGELO VIVE!A...
08/06/2017 @ 13:25:25
Di ANGELO VIVE!
E' molto grave che un gruppo dirigente che è stato eletto con il tema scuol...
08/06/2017 @ 13:09:44
Di Patinato
Trovo giusta questa considerazione: non solo è una ricchezza per tutti, ma ...
08/06/2017 @ 09:29:40
Di BS
L'Asilo versa in condizioni difficili.C'è un nuovo Presidente.Ma c'è bisogn...
06/06/2017 @ 17:36:17
Di Pilato
Ho visto su facebook la pagina "salviamo l'asilo borella". Qualcuno sa dirm...
31/05/2017 @ 14:40:03
Di richiesta
FINO A PROVA CONTRARIA SIAMO A SERVIZIO. QUESTO E' CERTO
27/03/2017 @ 12:59:12
Di CERTAMENTE
#11Il suo pensiero era chiarissimo. Qui la gente o non capisce ed e' grave ...
26/03/2017 @ 11:31:06
Di aaa

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati



//

\\ : Articolo
mar08mer
LA FONDAZIONE ASILO ANGELO BORELLA DI SOLZAGO
Di Admin (del 08/03/2017 @ 22:45:43, in Redazionale, linkato 550 volte)


Col passaggio da I.P.A.B. ( Istituto Pubblico di Assistenza e Beneficenza) a Fondazione, il ragguardevole patrimonio dell'Asilo Angelo Borella è diventato oggetto di tassazione. Questo ha comportato, in assenza di un adeguato piano di valorizzazione, l'erosione di parte del patrimonio stesso per far fronte agli obblighi fiscali e in misura minore alla spesa corrente. Per tali motivi il bilancio economico dell'Ente è e continuerà ad essere fortemente in passivo portando alla chiusura dell'Ente.

Ma è questa la prospettiva che sosteniamo?
Se non lo è, si pone la necessità di una sollecita e profonda riflessione sul destino dell'Asilo Borella e sui provvedimenti da mettere in atto al fine di evitarne la soppressione e favorirne il rilancio.

Una vocazione sociale

L'Asilo infantile "Rag. Angelo Borella" è sorto per iniziativa del Comm. Giuseppe Borella, della Nobil Casa Crivelli Visconti, del Parroco don Mirocleto Spaini, coadiuvati da altre benemerite persone, ed ha cominciato a funzionare nell'anno 1915.
Come si evince dallo Statuto della Fondazione, ( Artt. 3-4) l'Ente persegue esclusivamente finalità di utilità sociale con esclusione di ogni scopo di lucro e cioè:
  1. Accogliere e custodire i bambini in età prescolare prioritariamente di Tavernerio. Provvedere in collaborazione con le famiglie alla loro educazione fisica morale ed intellettuale. Provvedere alla organizzazione e alla gestione di eventuali ulteriori servizi integrativi e diversificati a favore dell'infanzia.
  2. Intervenire a sostegno e sviluppo di attività finalizzate a soddisfare i bisogni di carattere sociale e socio-assistenziale della comunità locale.
  3. Intervenire a sostegno dei problemi della terza età, in particolare promuovendo l'assistenza di anziani in via prioritaria con difficoltà familiari, ambientali ed economiche anche mediante:
  • la realizzazione di strutture di accoglienza per anziani, in compartecipazione con gli Enti pubblici territoriali e altre Istituzioni pubbliche e private
  • la realizzazione di servizi integrativi o alternativi al ricovero
  • programmi di reinserimento e di aggregazione sociale degli anziani.

Da questi elementi emerge chiaramente che l'Asilo Borella è nato nel cuore della Comunità locale per volontà di un benefattore e del Parroco della Comunità stessa e che le sue finalità sono l'accoglienza e l'assistenza delle fasce deboli della popolazione locale quali quella dell'infanzia e degli anziani, e in generale andare incontro ai bisogni socio-assistenziali della Comunità.

Da queste osservazione nascono tre considerazioni importanti:
  1. La Fondazione, pur essendo un Ente di diritto privato, è a tutti gli effetti un Ente a chiara vocazione pubblica, concepito e tuttora vissuto dalla Comunità come strumento di promozione sociale. Lo statuto originario prevedeva infatti la presenza di un rappresentante della Amministrazione comunale all'interno del Consiglio di Amministrazione dell'Asilo.
  2. Il Comune di Tavernerio è profondamente coinvolto nel destino di questo Ente che rappresenta l'espressione di una parte importante della sua popolazione.
  3. In tale ottica la Fondazione Asilo Angelo Borella, proprio per la sua vocazione statutaria, se rilanciata e integrata nei servizi sociali ed educativi del Comune, potrebbe far compiere ad essi un decisivo salto qualitativo, divenendone di fatto un potente strumento di promozione sociale sia nel campo della scuola materna e della prima infanzia sia in quello della assistenza alla terza età.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa Invia articolo Invia
 
# 1
La Fondazione è strettamente legata alla storia di Tavernerio, in particolar modo di Solzago.
Non può essere dimenticata nè lasciata a se stessa. È patrimonio di tutti.
Di  Patrimonio  (inviato il 09/03/2017 @ 11:14:01)
# 2
Ma il Sindaco e la giunta sono a conoscenza del problema oppure pensano di aver già risolto il caso "creando " nuove aule per altro spinte dal mega Sindaco di albese
Di  Allocchi  (inviato il 09/03/2017 @ 11:39:40)
# 3
Sono a conoscenza e ci stanno lavorando. Diamogli tempo....un po'
Di  Pazienza....ma non troppa  (inviato il 09/03/2017 @ 12:35:18)
# 4
Occorre forse vigilare perché Olivieri sia tolto dalla Presidenza.
oltre 10 anni.
Comunque deve farsi da parte.
O lo capisce o bisogna farglielo capire.
Di  l'oligarca  (inviato il 11/03/2017 @ 16:26:22)
# 5
Oltre le dichiarazioni di principio la politica amministrativa si afferma nelle decisioni politiche, nelle scelte pratiche e nella messa a disposizione reale delle risorse del territorio per le persone. A cominciare dagli ultimi.
Il resto sono inutili conitnui incontri per dibattere incapacità e impotenza. Quando non privilegio e rapina.
Di  Il coraggio di decidere  (inviato il 12/03/2017 @ 09:46:27)
# 6
Ma...Tavernerio Città in questa situazione che fa? Vigila? Sta alla finestra? Si adopera attivamente? Così, giusto per sapere....
Di  Informazione  (inviato il 15/03/2017 @ 18:54:41)
# 7
taverneriocitta' non ha mai contato nulla. E mai contera' finché non fa capire che c'è' ancora.
Di  Mai più  (inviato il 17/03/2017 @ 21:48:03)
# 8
Caro commento 7 credo tu abbia veramente colto nel segno.
Questa è la forza di Taverneriocittà: non contare nulla.
Suoi fondatori hanno ricoperto cariche di potere, e hanno cercato di costruire ambiti nuovi per la comunità locale e il territorio.
Come in ogni aratura e semina si sviluppano appetiti e parassiti.
Mangiando e digerendo opportunità si fanno anch'essi letame. Sindaci amministrativamente ridicoli.
Omuncoli e donnicciole che nel letame hanno trovato da sempre casa.
Presidenti di organismi, membri di comitati direzionali, e ve ne sono molti in circolazione tutt'ora, che gestiscono le risorse pubbliche come il proprio nido di paglia e scarti.
E ogni nido produce rifiuti e letame.
Il potere produce sempre e solo ingiustizia e concime.
Taverneriocittà non starà mai dalla parte del potere ma del servizio.
Servizio di idee, di proposte di impegno diretto se capita.
Un laboratorio che si sforza di essere umanizzante.
Interessa a pochi? E' motivo di opportunità parassite per i coprofili?
E' la logica del potere: benvenuta la pazzia del servizio.
Di  Giovanni Aiani  (inviato il 18/03/2017 @ 10:13:51)
# 9
Caro Giovanni, io alla riunione dei Soci c'ero. E in questo laboratorio di servizi non siamo riusciti a nominare un presidente a causa di coprofiti attaccati alle poltrone. Poi puoi contarcela su come vuoi a noi poveri cittadini di ceto medio. Una domanda ti faccio: i servizi saranno solo per noi di Tavererio oppure si apriranno anche agli albeseni? Vista l'influenza del mega sindaco di Albese.....
Di  da un modesto cittadino  (inviato il 20/03/2017 @ 08:27:47)
# 10
Se rivoluzionare la scuola significa dare piu' spazio e piu' agio ai cittadini di Tavernerio, che tu sia benvenuta pazzia dei servizi! Se invece la rivoluzione viene fatta per accogliere anche gli albesini, cara pazzia puoi startene a casa tua
Di  riflessioni  (inviato il 22/03/2017 @ 09:42:12)
# 11
Mi dispiace di non riuscire spesso a formulare pensieri chiari.
Il mio era una riflessione generale del rapporto tra potere e servizio.
E sulla natura di Taverneriocittà.
Di  giovanni Aiani  (inviato il 22/03/2017 @ 16:34:36)
# 12
#11
Il suo pensiero era chiarissimo.
Qui la gente o non capisce ed e' grave ma giustificabile, o capisce benissimo e strumentalizza la singola frase detta, il che e' vomitevole.
Di  aaa  (inviato il 26/03/2017 @ 11:31:06)
# 13
FINO A PROVA CONTRARIA SIAMO A SERVIZIO. QUESTO E' CERTO
Di  CERTAMENTE  (inviato il 27/03/2017 @ 12:59:12)
# 14
Ho visto su facebook la pagina "salviamo l'asilo borella". Qualcuno sa dirmi di piu'? Mi interessa
Di  richiesta  (inviato il 31/05/2017 @ 14:40:03)
# 15
L'Asilo versa in condizioni difficili.
C'è un nuovo Presidente.
Ma c'è bisogno che tutti i cittadini lo sentano come ricchezza di tutti.
Sociale e patrimoniale.
Occorre parlarne e discuterne perché si ha la sensazione che le persone con responsabilità pubblica se ne lavino le mani.
Di  Pilato  (inviato il 06/06/2017 @ 17:36:17)
# 16
Trovo giusta questa considerazione: non solo è una ricchezza per tutti, ma una grande risorsa ed aiuto alle famiglie. Sabato c'è la festa dell'asilo: un primo inizio potrebbe darlo proprio questo nuovo presidente con un discorso che faccia capire a tutti le difficoltà e lanci un messaggio di aiuto alle famiglie presenti. Che sindaco e giunta se ne lavino le mani è cosa risaputa. Incominciamo da noi
Di  BS  (inviato il 08/06/2017 @ 09:29:40)
# 17
E' molto grave che un gruppo dirigente che è stato eletto con il tema scuola nel programma sia cosi refrattario e inoperoso. Forse pensano che "la scuola" siano solo i muri e non le persone.
Io sono convinto che occorra ribadire con forza anche solo nelle parole dell'opinione pubblica che si sbagliano.
Finiranno per essere considerati inadempienti.
Non si può nascondersi dietro una fascia e le foto patinate di un giornalino.
Di  Patinato  (inviato il 08/06/2017 @ 13:09:44)
# 18
Concordo.
basterebbe inondare questo sito con brevi posto tipo:

ANGELO VIVE!

Anche prima, durante e dopo i pasti.
Tutti i giorni.
Secondo me ai bambini fa bene
Di  ANGELO VIVE!  (inviato il 08/06/2017 @ 13:25:25)
# 19
ANGELO VIVE!
Di  iocisono  (inviato il 08/06/2017 @ 13:58:34)
# 20
E mentre Angelo riposa in pace magari rivoltandosi nella tomba, l'Asilo borella tempo qualche anno e chiudera' i battenti.
Di  Angelo riposa in pace  (inviato il 12/06/2017 @ 15:32:08)
# 21
qualche anno????
L'asilo è al bivio: o la gente preme sugli amministratori a tutti i livelli e prende coraggio o è già morto.
Il sindaco passerà alla storia come un altro "ammazzapopolo"
Di  Dagli all'ammazzapopolo  (inviato il 13/06/2017 @ 14:35:32)
# 22
Io mi chiedo seriamente, in seguito al "niente amministrativo" che nell'ultimo anno ho visto delinearsi riguardo le principali scelete politiche del paese, quanto ancora anche il nostro rappresentante in consiglio appoggi questa amministrazione. Finora ho visto solo gran voglia di divertimento, feste e ancora feste. Smarchiamoci da questi nullafacenti.
Di  smarchiamoci  (inviato il 14/06/2017 @ 08:05:35)
# 23
attendiamo, magari per furor di popolo qualcosa si muove...
però non attendiamo troppo, il tempo stringe
Di  e' ora  (inviato il 16/06/2017 @ 14:45:43)
# 24
Si occorre moderazione e fermezza.
E intelligenza,
Speriamo che l'amministrazione lo capisca.
Di  chissà  (inviato il 16/06/2017 @ 14:48:29)
# 25
mah....fra una festa e l'altra magari....
Di  forse  (inviato il 19/06/2017 @ 09:15:40)
# 26
In effetti anche secondo me questo sindaco è molto autoreferenziale.
Molto distante dai problemi reali e molto "scimmottante" la balera del Gaffuri di Albese.
Di  il circo  (inviato il 19/06/2017 @ 12:52:23)
# 27
E comunque una bella bacchettata sulle orecchie la meriterebbe anche il nuovo presidente Invernizzi. Alla festa dell'asilo nessuno e dico NESSUNO del direttivo nuovo è venuto non dico a fare un discorso, ma almeno a presenziare. Quello almeno il povero Olivieri lo faceva
Di  male anche Invernizzi  (inviato il 19/06/2017 @ 14:11:36)
# 28
....Non diventeremo mica un paese delle feste anche noi????
Di  no  (inviato il 19/06/2017 @ 14:12:26)
# 29
Una volta si diceva: roba da giupit.
Il vento da Albese è proprio da giostre. Non hanno più una scuola media, adesso cacceranno qui l'asilo, non hanno una piattaforma ... lasciamo stare l'acquedotto...
Gemellaggio o fusione tra i comuni? Cosi il Gaffuri si può ricandidare?
Di  giupit  (inviato il 19/06/2017 @ 14:21:31)
# 30
E' QUELLO CHE TEMONO IN MOLTI. E COME ABBIAMO POTUTO VEDERE IN VARIE OCCASIONI (ASILO E PLIS GLI ULTIMI EPISODI) GAFFURI DOCET. E IL NOSTRO SINDACO SI PIEGA.
Di  W GAFFURI  (inviato il 19/06/2017 @ 14:55:26)
# 31
Occorre che questa amministrazione dimostri di esserci su temi decisivi della nostra comunità territoriale.
Il tempo passa e le iniziative sono pasticciate e superficiali.
Tc credo sia corretta e al lavoro con questa amministrazione.
Il bilancio del primo anno però lascia forte il sapore del vuoto.
Ma

Di  primo anno  (inviato il 20/06/2017 @ 07:55:50)
# 32
Anche io vedo superficialità ma anche inettitudine e attenzione per futilità. Vengono completamente evitati i temi veri della comunità, che viene distratta da feste e festine nella speranza di fare meglio di Albese. Intanto abbiamo un centro prelievi aperto solo 4 giorni in Agosto, un asilo prossimo alla chiusura ed un plis che non serve a niente. Questa è una buona amministrazione? E con un consigliere in maggioranza siamo conniventi. Credo che il tempo delle mele sia finito
Di  finita  (inviato il 20/06/2017 @ 09:44:10)
# 33
Non siamo conniventi. Siamo propositivi e critici. ma certo senza cambi di rotta reali sarà molto complicato continuare.
Perché dopo il tempo delle mele di solito arriva quello delle zucche.
Di  l'ortolano matto  (inviato il 20/06/2017 @ 23:22:05)
# 34
Vedremo se queste critiche saranno manifestate da chi ci rappresenta in consiglio. Finora lamentele solo qui. Vorrei vedere una presa di posizione anche in consiglio. Se ci fosse stato Agostinelli sarebbe gia' successo.
Di  Agostinelli ci manchi  (inviato il 21/06/2017 @ 07:54:00)
# 35
L'asilo è alla frutta. il problema per il nostro Sindaco è decidere se cacciare dei soldi per salvarlo o se lasciarlo morire perché non gli interessa. In questo caso le conseguenze per lui temo che saranno pesanti in termini di consenso popolare.
Di  chi se ne frega ?  (inviato il 23/06/2017 @ 18:57:48)
# 36
Non è solo l'asilo che non va. E' il verde pubblico, gestito senza progettualità (e varie zone ne sono prova), è la scuola dove nulla è cambiato, se non che i volontari non ci sono piu' ed il loro lavoro lo fanno gli stradini. Che poi ci vogliano "indorare la pillola" con assemblee pubbliche in cui si presentano progetti vecchi di anni (con l'aggiunta di qualche parcheggio in piu') e qualche festa in cui oltre tutto si penalizza il centro civico....Beh allora era meglio quando si stava peggio.
Dove sta il progetto del centro paese? Dove sta la qualità di vita migliore?
Dove siamo noi, di tavereriocittà?
E fra un po' mi toccherà dire: dove sta l'asilo Borella?
Di  meglio prima  (inviato il 26/06/2017 @ 08:46:30)

Inserisci un commento









 

Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.
Cerca per parola chiave
 



Titolo




27/06/2017 @ 00:22:39
script eseguito in 578 ms

info@taverneriocitta.it

 

 Taverneriocittà © Copyright 2003 - 2017 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source